Crea sito

 

 

Giuseppe   La  Delfa

 

 

 

 
     
 

PREGHIERE :

 
     
 

 
 

Preghiera autorizzata verbalmente da sua Ecc. Monsignor Giuseppe Costanzo Arcivescovo Metropolita di Siracusa in data 10-3-2008 ore 20,30 sala Giovanni Paolo II, presenti, L’autore Cav. Giuseppe La Delfa e Cav. Mons. Michele Giansiracusa rettore Madonna delle Lacrime. 


Preghiera



Dio di pace e di perdono
nella Tua bontà infinita
hai chiamato alla Tua vigna 
il tuo servo Giovanni Antonino
che ha predicato nella grazia 
nella città di Maria
e chiesa Madre di Dio a Siracusa. 
Con la Tua Misericordia divina
nel suo cuore e sulle sue labbra 
la dolcezza di un padre
invitò sempre i suoi fedeli
al rinnovamento dello spirito
e ad una vita santificante .
Celebrando il ritorno al Padre Celeste
del nostro pastore,
Ti chiediamo O Signore
Dio dell’Universo
di infondere di nuovo 
lo spirito di Cristo Risorto 
nelle nostre menti e nei nostri cuori.
Fa che possiamo seguire un cammino di fede 
tracciato dal nostro Santo sacerdote
che si trova da oggi al Tuo Divino Cospetto .

Giuseppe da Siracusa
10-03-2008

 

 

 

 

 
 

 

A passioni di gesù

 

Al’’epuca  a tempi antichi chidda era a peggiori morti sulu i criminali chhiù tinti  putianu muriri comu a Gesuzzu . , ma ‘u nostru Duiu ‘n terra ‘u trattarunu ancora peggio . pirchì nun a tutti i criminali cunnannati a morti vinianu chiantati chiova macari ‘nte mani  e ‘nte pedi  . Tanti chiovi chiabntati nta i puzi  e non nte parmi de mani comu si facia o’ solitu ppi l’autri. >Poviru patruzzu mnostru  ‘u ficiru soffriri chhiui d0’m giustu , senza putiri rispirari  pirdennu tutta l’aria d’ ‘e piurmuna, sti suffirenzi cchu ddi schiova azzeccati ‘nte pedi , srtrazziannu duluri atroci ppi trer uri truoppu assai Gesuzzu  crucifissu suppurtau ppi nutri prima di murisri Iddu ittau finu all’ultimu goccia di sangu e all’iurtimu jattau sulu acqua : Ddi tri chiova chiantati nrte so0’ membra e na curuna di spinmi nta testa e ddu briganti di asurdatu rumanu ci avia azzicatu macari na lancia ‘nto custatu. L’umiliazioni di pur tari a cruci di 3° kila ppi 2 khilometri , mentri a fudda di lu populu cci sputava nta facci e cci tirama macari pertri  vergona si nasci nautra vota sugnu sicuriu ca a storia si ripeti. Iddu muriu e spirau ppi riscattari tuttinuatri poveri peccatura e sarvarini da lu piccatu originali . nun nni l’amu a scurdari addumannamu sulu misericordia a nostriu signutri.

Giuseppe La Delfa

 

 

 
     
 

ORAZIONI :

 
     
 

 
     
 
 
Orazione  2
 
Sant’Antoniu candidu e putenti,
comu ammanzati lu focu a barzi
comu ammanzati ‘u focu a livanti
ammanzati a tutti chisti ca disidiru
o’ ppi la strata o ppi la via
tagliatimi vui Matri Maria.
 
 
Tre Pater, ave e gloria.
 
Orazione avuta da Presti Santina 28-05-08 a Catania

 

     

BIOGRAFIA

CURRICULUM

PoEsie

RECENSIONI

LinK