Crea sito

 

 

Giuseppe   La  Delfa

 

 

 

 
     

Convegni Nazionali dell' A.N.PO.S.DI.

     
 

 
 


    Convegno di Primavera 2008

a Siracusa

 

  Il Convegno ha avuto inizio il 2 Maggio 2008, presso la Sala Alfeo del Quality Hotel Park di Siracusa. Prima di consegnare le tessere ai nuovi Soci, Pippo La Delfa ha messo in contatto telefonico i Convegnisti con la poetessa Alda Merini, rimasta a Milano per dolori ad una gamba, alla quale è stato conferito il titolo di Socio Onorario dell'A.N.PO.S.DI.

 

 

   

Sabato 3 Maggio si è partiti in pulmann per visitare la splendida Noto. In alto le immagini al Salone degli Specchi del Comune.

 

 

   

Il Convegno è proseguito il pomeriggio con l'incontro con le autorità e gli interventi del prof. Giuseppe Gulino, Pagliaro e Tarascio, seguiti dal recital del 1° gruppo di poesie, tra i quali anche il poeta Pippo La Delfa. La sera a Noto marina, la compagnia "La Comarca" di Siracusa ha interpretato la commedia "I Civitoti in Pretura" di Martoglio.

 

 

 

 

   

Domenica mattina, 4 Maggio lo scultore Antonio Leone, originario di Siracusa, ha fatto dono al Santuario della Madonna delle Lacrime dove si è svolta la funzione per gli anposdini, di un Gesù Bambino scolpito in legno, in memoria della propria moglie Dina.

 

 

   

Il Convegno e la Gita hanno avuto seguito come da programma, culminando nei festeggiamenti finali.

 

 

 

CONVEGNO DI PRIMAVERA A.N.PO.S.DI. A SIRACUSA: VETRINA DI DIALETTI A CONFRONTO.

Si è concluso da qualche giorno il Convegno di Primavera, organizzato dall’Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali, che si è tenuto nella città di Siracusa dopo un’assenza di vent’anni. Chi meglio di Siracusa, quale alcova della cultura, poteva accogliere, come tra materne braccia, lo stuolo di scrittori e poeti dialettali convogliati per lo straordinario evento da ogni Regione d’Italia? Per la nostra città è stato un vero onore aver ospitato il nutrito gruppo di convegnisti con tutto il loro bagaglio di disuguaglianze linguistiche che ha impreziosito le quattro giornate, 2, 3 ,4 ,5 maggio, di tutto il folclore tipico regionale e della melodia dei suoni dei vari idiomi e dialetti nazionali in una mescolanza dal sapore tutto antico. L’organizzazione capillare del Delegato Regionale della Sicilia, Poeta e Scrittore Antonino Magrì, del Vice Delegato, Poeta, Scrittore, Giornalista, Cav. Giuseppe La Delfa ha fatto sì che gli esiti del Convegno fossero così soddisfacenti da convincere i partecipanti e gli organizzatori stessi dell’importanza del confronto interregionale e dello scambio culturale nell’ottica di un momento di crescita personale dei letterati nel quadro della loro azione all’interno della nostra nazione. 
Il Convegno si è tenuto presso il Salone di rappresentanza del Park Hotel in cui si potevano ammirare, esposte nella hall, le bellissime opere di grandi Maestri , i Pittori Vittorio Ribaudo e Giuseppe Ranno, le stupende Sculture dell’artista Internazionale siracusano Antonio Leone, convenuto dalla città di Padova per l’occasione e quelle in papiro di Pippo Tarascio.
La prima serata si è aperta con i saluti del Presidente Nazionale Dott. Mimmo Staltari e del Presidente Regionale Antonino Magrì e con il conferimento del titolo di Socio Onorario alla grande Poetessa Alda Merini con la quale il Poeta Giuseppe La Delfa si è collegato telefonicamente, consentendo alla platea di udire dalla viva voce della stessa famosa artista i calorosi ringraziamenti per la gente del meridione che tanto la ama. A chiusura di serata, impareggiabile l’esecuzione musicale del grande Maestro catanese Daniele Ferlito che con la sua chitarra classica ha regalato un ulteriore tocco di raffinatezza all’evento in un tripudio di arti a confronto.
Le giornate si sono alternate tra interessanti relazioni di studiosi quali Giuseppe Gulino, docente di dialettologia all’Università di Catania, del Prof. Salvatore Di Marco di Palermo, Direttore della Rivista Italiana della Poesia Dialettale e Critico Letterario, del papirologo Pippo Tarascio e quella del Presidente Regionale degli Apicoltori Cav. Paolo Pagliaro.
Nei diversi giorni i convenuti hanno effettuato escursioni in giro per la provincia per visitare i siti archeologici più importanti. Non sono mancati godibili momenti teatrali attraverso la visione della Commedia “I Civitoti in Pretura” di Nino Martoglio ad opera della Compagnia siracusana “La Comarca”. Nel corso delle varie giornate un ruolo predominante ha avuto la poesia, i vari poeti si sono esibiti nella declamazione di liriche nei vari dialetti italiani in un misto sonoro linguistico gradevolissimo. Lo stesso pathos uditivo si è avuto domenica mattina presso il Santuario della Madonnina delle Lacrime quando esponenti di ogni regione hanno rivolto le loro preghiere alla Vergine nei vari dialetti regionali, dimostrando l’universalità del linguaggio vernacolare. Prodotti tipici regionali da tutta Italia sono stati donati dai convegnisti nel corso dell’offertorio, mentre il grande Scultore Antonino Leone ha donato, in onore della moglie scomparsa, una preziosa statua in legno raffigurante Gesù Bambino. 
Lunedì, alla chiusura dei lavori, il gruppo appariva fortemente coeso, grazie allo scambio interculturale ed al confronto linguistico dialettale nazionale favorito dal Convegno e dall’opera dell’A.N.PO.S.DI. che si muove a tutela e a conservazione dei dialetti regionali. 

Maria Luisa VANACORE
 

 

firma il Guestbook

 
     

BIOGRAFIA

CURRICULUM

PoEsie

RECENSIONI

LinK